Pizza

Ho cominciato a lavoricchiare a 18 anni, ero goffa e incapace, non sapevo distinguere il prosciutto crudo da quello cotto e una delle prime sere, cambiando il fusto di birra mi sono schiacciata un dito e come ricordo mi è rimasto un leggero sovraosso.
Dopo un mese di prova hanno preferito quella più bionda, più alta, più faica e sono finita in un ristorante leggermente fascista, condividendo il bancone con il tredicenne figlio del capo che si sbronzava, mentre io lavoravo, servendosi da solo montenegro misto redbull.
Due anni piatti, alleggeriti solo dalle birre che bevevo quando ero di turno al banco. Non dovevo interagire con la gente e potevo continuamente spinarmi birra: una specie di paradiso per disadattati. L’unico ricordo che conservo sorridendo è il giorno che è nato il mio nipote. Neanche farlo apposta c’era l’inaugurazione di un bar in cui si poteva bere prosecco gratis fino le 16:00. Scontatissimo il risultato: sono arrivata al lavoro con mezz’ora di ritardo e dopo aver consegnato il primo caffè sono andata a vomitare l’anima. Se lo rifacessi adesso dovrebbero chiamare l’ambulanza, al tempo riuscì a lavorare fino alle 2 di notte.

Poi, poi gli dissi “ehi ciao, non voglio farmi un altro capodanno fino alle 4.00 con voi che siete dei fascistidemmmerda, addio”.
Ovviamente non ne ho avuto il coraggio, ho inventato una scusa e me ne sono andata rubando una bottiglia di vino.

Quindi ho ricominciato a cercare, uscì con la macchina e dopo 5 minuti riparcheggiai sotto casa. “Vai a cercarti un lavoro, disgraziata”
“Trovato madre, comincio sabato”

E’ cominciata così la mia avventura in una pizzeria d’asporto. 5 anni.
-I primi mesi persi a perdermi per le strade, un incubo infinito.
-Il mio primo incidente perché un vecchietto era tranquillamente entrato in una rotonda mentre io gli passavo davanti.
-“Questo è un nuovo coltello, super affilato, tu che sei nuova non usarlo”
Porto ancora sul dito medio la cicatrice che mi sono fatta dopo esattamente 10 minuti dall’aver sentito pronunciare questa frase.

Quelli sì che sono stati anni meravigliosi, eravamo un bel gruppo con il portafoglio vuoto, alcuni che tentavano l’università, altri che non avevano completato le superiori. Il sudore si asciugava insieme dopo lavoro bevendoci qualche birra, spesso gratuita perché il bar vicino doveva finire i fusti di birra la domenica sera.
Non eravamo da 100lode, non eravamo quelli da primo banco, però eravamo onesti. Ci si aiutava.
Tanti ricordi che vorrei scrivere qui solo per aver la certezza di non dimenticare mai:
-la cena in compagnia con un’altra pizzeria, e ovviamente il nostro gruppo è arrivato 1 ora dopo perché ci eravamo fermati a fare cin cin ad ogni bar sulla strada
-il battesimo del figlio di una di noi, che in chiesa non ci siamo neanche entrati perché eravamo troppo occupati a fare cin cin nel bar vicino. E dopo il grande pranzo, via di corsa che bisognava andare a lavoro
-le serate seduti per terra a chiacchierare, guardando gli altri fumare e ogni tanto rubando una cicca, sparlando del capo quando faceva lo stronzo o dei clienti strambi come la testimone di geova che ogni volta cercava di convertirmi.
Rimarrà sempre il rimpianto di non averle chiesto se il suo dio accettasse anche i gay, ma è un’anziana signora e il numero dell’ambulanza lo confondo sempre con quello dei vigili del fuoco.Immagine

 

Advertisements

Informazioni su novantennedel90

1990
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...